FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3842361
Home » Enti » ISTAT » Precariato » Rete di rilevazione Istat: incontro al Dipartimento della Funzione pubblica

Rete di rilevazione Istat: incontro al Dipartimento della Funzione pubblica

La FLC Cgil ha ribadito la richiesta di procedere alla proroga delle collaborazioni in essere ed alla definizione della soluzione che garantisca il futuro dell’attività e dei lavoratori impegnati.

14/11/2007
Decrease text size Increase  text size

Si è tenuto ieri, presso il Dipartimento della Funzione Pubblica, l’incontro fissato nel corso delle iniziative realizzate nella giornata di sciopero del 29 ottobre, sul futuro dei rilevatori co.co.co. della rete di rilevazione dell’Istat. Per il terzo anno consecutivo, infatti, il rinnovo del loro contratto è a rischio di cessazione e con esso rischia la chiusura la stessa rilevazione su cui sono attualmente impiegati.

La FLC Cgil ha ribadito la richiesta della presentazione, da parte del Governo,di un emendamento, all’interno del disegno di legge finanziaria in discussione in Parlamento, finalizzato a garantire la salvaguardia della attività della rete e dei rilevatori, a partire dalla proroga dei rapporti di collaborazione in essere.

E’ questa operazione necessaria ma non sufficiente.

Dopo tre anni, infatti, occorre che il Dipartimento della Funzione pubblica, definisca la soluzione di questa questione, dal momento che, trattandosi di attività strutturale dell’Istat, essa non può più essere trattata con gli strumenti tipici di attività straordinarie e/o conseguenti a progetti.

Per queste ragioni abbiamo rappresentato l’inderogabile necessità che, a partire dalla legge finanziaria in corso di approvazione, il lavoro di rilevazione venga inquadrato nella cornice ad esso più consona, quella cioè del lavoro subordinato, considerato che il carattere della prestazione lavorativa dei rilevatori non presenta alcun elemento di occasionalità né di autonomia, propri dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa.

In tal senso, ritenendo sbagliata qualsiasi opzione di esternalizzazione della rete, abbiamo chiesto che la prosecuzione dei rapporti di lavoro dei rilevatori sia svincolata dal comma 5 dell’art. 10 della legge 2 Dicembre 2005 e rientri nell’alveo ordinario della contrattazione .

L’Amministrazione, confermando l’impegno assunto in precedenza dal Ministro a ricercare soluzioni idonee, ha garantito la volontà di presentare alla Camera l’emendamento sulla proroga dei contratti di collaborazione in essere, nonché la predisposizione di un testo che vada nella direzione da noi richiesta di uscire da questa insostenibile situazione di precarietà che coinvolge il futuro di un’attività che non può essere sospesa, visti gli accordi europei, e delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati.

Affinché siano proficuamente esplorate, prima dell’approvazione della finanziaria 2008, le ipotesi di articolazione di un percorso conclusivo di passaggio a regime di subordinazione di questi lavoratori dell’Istat, l’incontro di oggi è stato aggiornato a lunedì 3 Dicembre 2007.

Le suddette ipotesi dovranno tener conto degli strumenti legislativi attualmente in essere e di quelli previsti dal CCNL del comparto Ricerca, peraltro in fase di rinnovo.

Roma, 14 novembre 2007

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter