FLC CGIL
Sciopero scuola 30 maggio 2022, cosa chiediamo

http://www.flcgil.it/@3963645
Home » Enti » ISTAT » Notizie » Legge di bilancio 2022: la FLC CGIL ISTAT scrive al ministro Brunetta

Legge di bilancio 2022: la FLC CGIL ISTAT scrive al ministro Brunetta

Necessarie risorse umane e finanziare adeguate

02/12/2021
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Durante l'intervento alla Conferenza Nazionale di Statistica il 30 novembre, il ministro Brunetta ha citato le conclusioni dell’ECOFIN del 9 novembre, a sostegno della necessità di garantire risorse adeguate all’ISTAT, come raccomandato in particolare nel passaggio “The Council RECOGNIZES the need to ensure that human and financial resources are adequate for Eurostat and National Statistical Authorities (...) in order to produce timelier and more granular official statistics at Union, national, regional and local level”.

La necessità di assicurare risorse umane e finanziarie adeguate agli Istituti Nazionali di Statistica anche per garantire statistiche più tempestive e “granulari” a tutti i livelli, contenuta peraltro anche nei documenti dell’ECOFIN degli anni precedenti, assume nell’attuale contesto un significato aggiuntivo, visto che come ha sostenuto lo stesso ministro “questo non è un anno come tutti gli altri”.

Tuttavia, il giusto richiamo ad un’adeguata dotazione di risorse umane e finanziarie stride con quanto si legge nella manovra di bilancio in discussione in questi giorni al Senato, che prevede un investimento sui soli enti di ricerca vigilati dal MUR, mentre nulla è stanziato per quelli legati ad altri ministeri, tra i quali l’Istat, vigilato direttamente dalla presidenza del consiglio - Dipartimento della Funzione Pubblica. 

Per questo abbiamo scritto al ministro Brunetta e per conoscenza al presidente dell'Istat Blangiardo, chiedendo, in coerenza con l'intervento alla Conferenza Nazionale di Statistica, di adoperararsi affinché siano approvati gli emendamenti alla legge di bilancio proposti dalla FLC CGIL al Senato, che intendono salvaguardare l’unitarietà del settore della ricerca pubblica in vista del rinnovo del contratto nazionale, e a garantire finanziamenti adeguati per un settore diventato nel frattempo - se possibile - ancor più strategico per il presente e il futuro del Paese.

Abbiamo concluso ribadendo che proprio l’Istat, in questo momento al minimo storico in quanto a personale impiegato, ha una forte necessità di uno specifico investimento, per il ruolo nella trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione, nel monitoraggio e valutazione dell'impatto del PNRR, nel potenziamento della statistica territoriale, nella transizione ai censimenti permanenti.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Servizi e comunicazioni

Servizi agli iscritti della FLC CGIL
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter