FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3909653
Home » Enti » ISTAT » Notizie » Rilevatori Istat: la FLC CGIL ricorre in appello

Rilevatori Istat: la FLC CGIL ricorre in appello

Dopo la sentenza sfavorevole di primo grado, quasi 200 lavoratori proseguono la battaglia in sede giudiziale

19/02/2014
Decrease text size Increase  text size

Il  23 gennaio scorso è stato  depositato presso il Tribunale del Lavoro di Roma  il ricorso in appello relativo alla causa intentata dai rilevatori della rete FOL contro l’amministrazione Istat, appello a cui hanno aderito 190 lavoratori; è questa l’ultima tappa di una vicenda che ha radici lontane.

La rete di rilevazione FOL venne  istituita dall’Istat nel 2002 allo scopo di migliorare la qualità dell’indagine sulle Forze di Lavoro, ovvero la principale fonte informativa per l’analisi del mercato del lavoro; in quella occasione l’Istituto costituì una propria rete di rilevazione, composta da 317 intervistatori professionali, appositamente selezionati e formati, che operavano sul territorio nazionale sotto la costante e diretta supervisione dei ricercatori e tecnici Istat.

Da allora i  rilevatori hanno svolto la loro attività  sempre con contratti di collaborazione, prima coordinata e continuativa e poi a progetto, malgrado il carattere permanente della rilevazione e in contrasto con la normativa vigente, che dal 2005 ha  fortemente limitato l’utilizzo di questa forma contrattuale nell’ambito della Pubblica Amministrazione.

Nonostante la lunga mobilitazione dei rilevatori, sostenuta dai colleghi ricercatori e tecnici del servizio forze di lavoro dell’Istat, e nonostante l’appoggio e la solidarietà espressa anche da parte del mondo accademico e scientifico, l’epilogo poco nobile della vicenda fu l’esternalizzazione della rete avvenuta nel 2009 a favore della società IPSOS, che tuttora la gestisce.

Da qui la decisione di far valere i propri diritti in sede giudiziale: l’obiettivo della causa, patrocinata dalla CGIL, è stabilire che, al di là della tipologia contrattuale adottata, il rapporto di lavoro ha avuto tutte le caratteristiche della subordinazione, essendo l’attività della rete FOL incardinata nel contesto organizzativo e tecnico dell’Istat ed essendo finalizzata all’assolvimento di una funzione core-business per l’istituto stesso.

Nel ricorso si chiede che, una volta dimostrata la natura subordinata del rapporto lavorativo, vengano corrisposte ai rilevatori le differenze retributive e contributive fra quanto realmente percepito dai rilevatori e quanto a loro dovuto.

Si richiede inoltre l’inserimento dei ricorrenti nell’organico dell’istituto, dato che questi lavoratori non hanno potuto accedere ai percorsi di stabilizzazione attivati in Istat negli anni 2007, 2008 e 2009 proprio  in luce della tipologia contrattuale atipica posseduta.

Il ricorso di primo grado, avviato a luglio del 2010 e a cui avevano aderito 202 rilevatori, è stato respinto nel  maggio scorso, con una sentenza piuttosto debole.

Anche alla luce dei recenti pronunciamenti della Corte  di Giustizia Europea che stigmatizzano l’abuso da parte dello stato italiano di forme contrattuali a termine, si ritiene che l’esito dell’appello possa essere decisamente più favorevole e ristabilire i diritti fin qui negati ai rilevatori Fol.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter